Sostenitori
HOME SCHEDE BOTANICHE FARFALLE AVIFAUNA MAPPA EMAIL
 
L'Associazione
Costituzione
Obiettivi
Statuto
Consiglio Direttivo
Schede
Le "Pars"
Il Bosco Planiziale
I Campetti
La flora dell'area umida
La fauna dell'area umida
Galleria
I Prati
Inaugurazione parco macchine
Inaugurazione dei Prati
Esperienze
Tecniche di compostaggio 2007
Un bugno villico
Eventi
Avvistamento cicogne
Festa di S.Marco
Webmail
La fauna dell'area umida
Le superfici prative, le siepi e il boschetto determinavano, anche nella loro compresenza, molteplici nicchie ecologiche utili per la vita di vertebrati e invertebrati.

Oltre ad un piccolo specchio d'acqua, il parco conta su un sistema di canaletti e scoline che evitano l'acqua stagnante, determinano situazioni di habitat fortemente diversificate e conseguentemente offrono opportunità diverse a specie animali e vegetali.
Lo specchio d'acqua ha anche valenza di piccolo erbario vivente con specie botaniche proprie dei luoghi umidi tra Tagliamento e Livenza; può favorire la frequentazione di uccelli acquatici, consente a rane e rospi la possibilità di riprodursi, così come a diverse specie di libellule.
E' in altri termini abbeveratoio, fonte di cibo, "casa" e "nursery" per espressioni assai diversificate della vita animale.
Ci si propone, particolarmente, di consolidare la presenza della testuggine d'acqua, delle spinarelle e della rana di Lataste.
Quest'ultima specie, che rientra nel gruppo delle rane "rosse", é ormai ritenuta rara e minacciata di estinzione.
L'assetto umido proposto arrichisce l'insieme adibito a parco e offre maggiori opportunità di fruizione didattica e conoscitiva di uno spazio verde dove prima c'erano monoculture di mais o di soia.L'acqua è da sempre l'elemento fondamentale per la vita e nelle zone in cui è abbondante, è elevato anche il numero degli organismi viventi.
Molti animali e molte piante hanno sviluppato speciali adattamenti per sopravvivere negli ambienti legati all'acqua e sfruttano in modo complementare la ricchezza di risorse che queste zone mettono a disposizione.
Particolarmente numerosi sono gli invertebrati, gli insetti, i molluschi e i crostacei che possono essere consumatori primari, detritivori, oppure predatori.
Molti sono gli insetti che nella fase larvale sono acquatici e da adulti terrestri, che frequentano le zone umide per riprodursi, tra questi ricordiamo le libellule particolarmente vistose per le loro grandi dimensioni e i colori accesi.
Per quanto riguarda i vertebrati la componente ittica rappresentata dallo spinarello, specie un tempo molto comune nei canali e nei corsi d'acqua limpidi e ossigenati, che presenta un comportamento riproduttivo particolare in cui il maschio costruisce il nido e corteggia la femmina, svolge le cure parentali sui piccoli nati per alcune settimane.Numerosi sono gli anfibi: in quest'area la popolazione di rana verde (Rana esculenta) raggiunge una densità molto elevata, di essa si possono seguire nel laghetto tutte le fasi dalla schiusa delle uova fino all'accoppiamento degli adulti.
Legate alla presenza degli anfibi sono le bisce d'acqua (Natrix natrix e N. tessellata) oramai rare nel territorio circostante.
L'ornitofauna è un'altra componente fondamentale degli ambienti acquatici ed è anche la più vistosa, gli uccelli trovano in questi habitat nutrimento e siti adatti alla nidificazione o punti in cui riposarsi durante le migrazioni.
Un'area umida oltre ad avere una notevole importanza da un punto di vista ambientale, è uno splendido laboratorio didattico all'aria aperta dove sono facilmente osservabili i rapporti tra gli organismi e i loro adattamenti ed è facilmente visualizzabile il concetto ecologico di rete alimentare.
 

 
Visite
2013
Interventi
2015
Lavori di livellamento
Vaglio per il
compost
Collaudo impianto di irrigazione
Un alveare nei prati
Alveari
Rimboschimenti
2014
2013
2012
2011
2009
2007
2005/06
2003
V.N.                (Tutti i diritti riservati)