Sostenitori
HOME NEWS SCHEDE BOTANICHE FARFALLE AVIFAUNA MAPPA EMAIL
 
L'Associazione
Costituzione
Obiettivi
Statuto
Schede
Le "Pars"
Il Bosco Planiziale
I Campetti
La flora dell'area umida
La fauna dell'area umida
Galleria
I Prati
Inaugurazione parco macchine
Inaugurazione dei Prati
Esperienze
Tecniche di compostaggio 2007
Un bugno villico
Eventi
Avvistamento cicogne
Festa di S.Marco
Webmail
I Campetti
Accanto ai prati racchiusi da siepi, al boschetto e a zone umide, è stato previsto e realizzato il luogo del "Ciamput", con gelsi maritati alla vite o isolati, siepi antropiche con vecchie cultivar fruttifere (meli, e peri caratteristici della zona o coltivati in passato) e alcuni "campetti" a carattere dimostrativo  didattico sulle principali coltivazioni, che si facevano, un tempo, nella pianura tra Tagliamento e Livenza.

Il "moraro" o "morer", ovvero il gelso, riscuoteva grandissimo interesse economico e larghissima diffusione.
Il gelso, soprattutto il gelso bianco (Morus alba), si piantava un pò dappertutto, in quanto specie indispensabile per l'allevamento del baco da seta e nel contempo, atta a fornire buon legname da opera e da ardere.Come tutori della vite, venivano principalmente impiegati aceri e olmi, tuttavia anche il "morer" rispondeva a questa funzione nella partitura rurale dell'aratorio arborato-vitato detto anche "arativo viticolo".
Si trattava di vasti impianti di filari arborei che costituivano supporto a viti e fornivano fogliame utilizzato come foraggio per il bestiame o nel caso del gelso come indispensabile nutrimento per il baco da seta.
A questi filari di alberi erano inframmezzate coltivazioni molto variegate e condotte a rotazione: frumento, miglio, avena, orzo, panico, accanto a saggina, fagioli, mais, zucche e altro che si alternavano in un vero e proprio "caleidoscopio" di appezzamenti.
Una specie commestibile, coltivata da antichissima data (Neolitico) fino al secolo decimo nono, e oggi quasi completamente dimenticata, è la spelta, assai simile al farro ritornato di moda con le diete "alternative".
Oltre alle Graminacee eduli veniva coltivato, come succedaneo del mais, il "saresin", grano saraceno, pianta appartenente alla famiglia delle Poligonacee e originaria dell'Asia Centrale, ancora oggi in coltura per la preparazione di piatti caratteristici della Valtellina e del Trentino


 
Visite
2013
Interventi
2015
Lavori di livellamento
Vaglio per il
compost
Collaudo impianto di irrigazione
Un alveare nei prati
Alveari
Rimboschimenti
2014
2013
2012
2011
2009
2007
2005/06
2003
V.N.                (Tutti i diritti riservati)